Discorso alla Sapienza..

l’editoriale di Giuliano Ferrara di qualche giorno fa a proposito del discorso annullato del Papa alla Sapienza

Una minoranza laicista e ignorante nega al Papa il diritto di parola

La vergogna è un sentimento laico, oggi. Vergogna per il fatto che una minoranza laicista ignorante, intollerante, violenta è riuscita a togliere il diritto di parola a un filosofo e teologo accolto a braccia aperte nelle principali università di tutto il mondo, prima e dopo la sua elezione a Papa. Vergogna per il fatto che una grande Università europea, fondata da Bonifacio VIII nel quattordicesimo secolo, è stata degradata ulteriormente e addirittura abbassata sotto l’infimo rango che purtroppo è suo da molti anni, quello di epicentro dell’insolenza intellettuale, dell’idiosincrasia epidermica verso il confronto delle idee e delle culture, di una corsa irrazionalistica verso il vuoto nichilista nella forma della beceraggine, del dileggio, del linciaggio in effigie travestito da goliardismo e da anticlericalismo.

L’Università di Roma “La Sapienza” è la stessa da cui fuggì il filosofo Lucio Colletti, la stessa in cui fu intimidito lo storico Renzo De Felice, la stessa in cui si è costruita la cattedra collettiva dei peggiori maestri della cultura italiana, in testa il grottesco palindromo che tutti sanno e che per discrezione è meglio non nominare, insieme con l’asineria e la marginalità sociale di generazioni di studenti messi nelle condizioni di non apprendere un briciolo di verità razionale e umanistica e di disimparare sistematicamente quello che le generazioni precedenti di docenti e discenti avevano amorevolmente coltivato nelle sinuose vie di una storia secolare. Tutto questo in odio a un uomo mite, colto, sensibile, il professor Joseph Ratzinger-Benedetto XVI, il cui pensiero è regolarmente travisato, per stupidità ideologica, da coloro che pretenderebbero per sé la palma del libero pensiero.

A questa vergogna incancellabile, alla quale come sempre hanno cooperato le vecchie barbe del laicismo di convenienza e d’abitudine annidate nel cuore dell’editoria e della cultura italiane, cercheremo di porre un piccolo argine culturale e civile questa sera, riunendoci in condizioni di emergenza per una serata di conversazione laica sulla libertà di parola così banalmente e violentemente tradita dai soliti chierici che sono la vergogna dell’Europa dagli anni Trenta ad oggi, senza apprezzabili variazioni di stile e di tono.

Mah..

Annunci

Una Risposta

  1. Ferrara è insopportabile. Questo articolo è nozionistico, perciò credo lo capisca solo lui. E’ un modo di difendersi ma soprattutto un modo di sentirsi un intellettuale vivo lui che intellettuale non è ma solo un polemico e spesso arrogante. Se posso dire, più vergognoso di “togliere” la parola al Papa è stato il modo in cui i media lo hanno sponsorizzato e difeso. Per media intendo televisione, nella fattispecie i tg nazionali. Nenache a parlarne dei partiti politici, di destra ed alcuni di sinistra, subito pronti a difendere il papa in modo acritico, come quasi sempre fanno. Nessuno ha impedito al Papa di parlare, in realtà. E’ stata una sua scelta (consigliata) quella di non presentarsi: è stato un modo per far parlare di sè (del Papa, della retorica politica). Ci sono cose più importanti del nostro paese cui dedicarsi, il Papa ha già (fin troppo) i suoi spazi abbondanti. In questo quadro, termini come “negare al Papa la parola”, lui e la sua casta che spesso ne abusa, mi pare francamente ridicolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: