Come il cinema comunica la sorveglianza
novembre 20, 2012

Un modo per capire in che misura definiamo i ruoli e le funzioni dei sistemi di sorveglianza nella società è quello di indagare la sua presenza crescente nell’universo dei media e dell’immaginario, da sempre terreno fertile di negoziazione di significati. Il medium CCTV investe il cinema tanto a livello tematico quanto strutturale, le due tecnologie detengono dei tratti in comune e assumono reciproche sembianze. Che cosa li caratterizzano, e che messaggi il cinema -il riferimento è qui a certo cinema rivolto al grande pubblico- comunica della retorica della sorveglianza?

http://www.academia.edu/2163454/Come_il_cinema_comunica_la_sorveglianza

Annunci

FILMography
ottobre 18, 2012

http://philmfotos.tumblr.com/
Film stills+real-life locations, city tourism e cinema, questo è FILMography. Ovvero rilocare l’immaginario del cinema negli spazi della vita quotidiana, i cinefili lo adoreranno. Di Christopher Moloney per N.Y.

Letture critiche al Cavaliere Oscuro
ottobre 17, 2012

In riferimento a The Dark Knight e ai suoi messaggi politici, ho provato a caldo fastidio per la rappresentazione rozza della rivoluzione, che certo ha più di un riferimento ad Occupy, ma che a ben vedere fa il verso all’esperienza francese. Qui tre giudizi critici.

http://www.controlacrisi.org/notizia/Altro/2012/9/7/26051-slavoj-zizek-la-politica-di-batman/ di Slavoj Zizek
http://www.ipercritica.com/2012/09/lideologia-reazionaria-del-cavaliere-oscuro/ di Alessandro Alfieri
http://www.ejumpcut.org/currentissue/McGowanDarkKnight/ di Tod McGowan

Osservatorio audiovisivo europeo
ottobre 17, 2012

http://www.obs.coe.int/
Chi segue il cinema con interesse, magari incontrando un film invisibile, si sarà posto delle domande sulle scelte distributive, magari con rammarico. Non nascondo anche un generico interesse per l’economia del cinema: ho trovato un osservatorio che monitora come va il mercato del cinema. Perchè è facile che il cinefilo si immagini anche produttore/distributore/esercente.
Per esempio, “Come va il cinema europeo all’estero?” http://cineuropa.org/nw.aspx?t=newsdetail&l=it&did=227741

Film Studies for Free
luglio 21, 2011

http://filmstudiesforfree.blogspot.com/
FSFF è un blog che raccoglie documenti, articoli, saggi e riviste in ambito film studies consultabili liberamente grazie al rilascio aperto (Open Access). L’info recita..

A pluralist, pro bono, and purely positive web-archive of examples of, links to, and comment on, online, Open Access, film and moving image studies resources of note.

Semplicemente imprescindibile per ricerca e documentazione.

Tags

Documentarsi sui film: le rassegne stampa
luglio 21, 2011

Per quanti vogliano documentarsi o tenersi aggiornati sulle pubblicazioni dei quotidiani nazionali intorno all’ industria del cinema e in particolare alle recensioni dei film usciti in sala o presentati ai festival, segnalo almeno:

http://www.cinematografo.it/eds_rassegna
http://cinema.ilsole24ore.com/rassegnastampa.php

Qualcosa in più di quei fastidiosi pallini di piacimento messi vicino al titolo del film!

Search (& download) di film in rete: Cinema of the World
luglio 21, 2011

http://www.worldscinema.com/ – Segnalo questo blog sul cinema mondiale che recita..

a comprehensive library of Arthouse.. Cult, Classic, Experimental and rare movies from all over the world“.

e che si rivolge dunque agli amanti di cinema tout court e a quanti non si accontentano, andando alla ricerca magari di cose rare e (mai) viste. Utile la catalogazione per nazione, per quanti vogliano uscire dai confini e avventurarsi in cinematografie ancora sconosciute. Oltre alla sinossi dei film il blog pubblica la loro reperibilità nei siti hosting. N.B.: informandovi di ciò, preciso che non sto affatto promuovendo il download dalla rete, che comunque in casi come questi si rivela molto utile vista la scarsissima o assente reperibilità “legale” di molti film segnalati sul blog. Detto ciò, per dovere e completezza, non vi resta che dargli un occhio  augurando buona reperibilità responsabile a tutti!
Ultima cosa, in quanto blog, e quindi rete di relazioni e scambi comunitari intorno ad un tema, interesse etc., non vi sarà difficile, se siete cinefili indomabili, finire in blog amici, come ad esempio http://sovietmovies.blogspot.com/: prendetelo come un invito a lasciare in commento segnalazioni che trovate interessanti. Buona visione e buone scoperte.

Sottotitoli film in rete: opensubtitles, subbie, subscene, kloofy, asianworld
gennaio 16, 2011

Per chi va alla ricerca in rete di tutti quei film che -ahìnoi- non trovano e non troveranno una distribuzione nelle sale, la ricerca dei sottotitoli è fondamentale. Così come per quelli che vogliono staccarsi un po’ dalla cultura troppo pervasiva del doppiaggio e provare a vedersi il film in lingua originale.. esistono una miriade di siti che raccolgono i sottotitoli, lavoro che è bene ricordare viene fatto anche grazie al lavoro traduttori appassionati, vi segnalo in particolare:

opensubtitles.org/it – enorme database multilingua (contenuto anche in subbie.com, un motore di ricerca che racchiude nella sua server list i più comuni subtitles database). Potete inoltre buttare l’occhio, a rigor di completezza, su subscene.com.

Specificatamente al cinema asiatico, ma proprio tutto il cinema asiatico, che io conosca:
kloofy.net – il claim recita english subs for asian movies
asianworld.it –  il Portale del cinema asiatico fornisce sottotitoli italiani. La community, che vanta partner importanti nel settore intento alla promozione del cinema orientale, ruota intorno al suo forum di presentazione e richiesta dei film: in coerenza con l’intento, segue il mercato della distribuzione e toglie i sottotitoli di quei film che ne hanno (finalmente) trovata una. Imprescindibile per chi fruisce (anche) di cinema asiatico.

Vedere film in rete: Mubi e Ubuweb
dicembre 29, 2010

Mubi.com (già The Auteurs) – portale di cinema on-line, offre la possibilità di usufruire di un cinema selezionato e d’autore, catalogato per genere. Visione a pagamento (gratis per alcuni film, qualità eccellente), questa cineteca/videoteca virtuale vanta partnership di livello (Criterion, WCF di Scorsese) e propone rassegne, omaggi e retrospettive anche in accordo con i festival internazionali: chi ama ricercare ancor prima di fruire di un “certo” cinema non ne sarà tradito. Un bel progetto che unisce al servizio streaming la rete sociale formata da passione e critica. Un vero esempio alternativo di distribuzione, per restare a galla dal pattume delle nostre sale e dal download solitario nonchè un esempio interessante di social networking a tema cinema. La spazio garage è dedicato ai lavori e alle sperimentazioni “dal basso”, alla ricerca dei registi del futuro.

Ubuweb.com – quella “film&video” è la sezione fondamentale per il cinema d’avanguardia, sperimentale, quello meno visibile, quello che a volte a torto si tende a confinare come “nicchia” e che perciò incute un certo timore. Visibili gratuitamente le opere degli specialisti così come quei registi anche noti, che hanno spaziato dallo sperimentale al cinema come noi “normalmente” lo intendiamo, da quelli più datati al contemporaneo. Lo scopo è ovviamente non di tipo commerciale ma, come per Mubi vuole proporsi un’ alternativa -ed una risposta- concreta alle difficoltà della distribuzione per questi film, marginalizzati o comunque scarsamente reperibili al cinema come in video.

Vi ho presentato due portali secondo me fondamentali per andare alla ricerca di qualcosa di diverso da ciò che ci propinano le politiche distributive, che purtroppo sono sintomatiche della salute culturale di un paese: in attesa di tempi migliori sul piano del cinema in sala, ancora una volta Internet e la digitalizzazione ci vengono incontro. Da qui il mio entusiasmo nel presentaveli. Buona visione!

Due letture
luglio 17, 2010

Il montaggio nella storia del cinema – tecniche, forme, funzioni di F.Vitella (2009)

Questo è un ottimo manuale sul montaggio nella storia del cinema: i suoi pregi sono la sintesi e la strutturazione precisa e coerente che consentono all’autore di (ri)proporre in tassonomie i tratti salienti della teoria del montaggio che sono emersi lungo i grandi periodi portanti della storia del cinema che quelle pratiche del montaggio sono in grado di definire. Montaggio primitivo, artistico, narrativo, critico, ludico: cinema delle origini, d’avanguardia, classico, moderno, post-moderno. Il libro si legge tutto d’un fiato ed accompagna la teoria ad esempi di importanza non ambigua e alla portata dello spettatore comune. L’utilità della lettura è massima per un exursus veloce e sintetico sull’argomento che scorre lungo i primi 100 anni del cinema, descritto da una chiarezza di classificazione apprezzabile sia dal lettore novello che dall’esigente cinephile.